Crea sito
Mio

Ciao amico Tag.

Ho avuto questa scritta sopra la testa, affissa al muro, per più di un anno. Per altri 3, con alternanze di pause, ho cambiato stanza e scrivanie.

Il Tag per me è sempre stato un luogo in cui tornare.

Il tempo passa, le cose cambiano e a volte bisogna essere capaci di dire addio.

Quando lascio qualcosa, lo devo rivivere prima di andarmene. Devo guardarlo, dettaglio dopo dettaglio, ripercorrendo tutti i ricordi, prima di voltare l’angolo e andare oltre. Cammino lungo il corridoio e guardo i miei Vanity Fair appoggiati sulle librerie di cartone, leggo sulla lavagnetta la frase-citazione della mia amica collega che ho trascritto in una delle innumerevoli pause pranzo insieme, alterno i piedi negli scacchi bianco e neri del pavimento, come ho sempre fatto, guardo la sedia nera da ufficio e ricordo della discesa fatta, trasportata da altri amici e colleghi o di quella volta che mi hanno accompagnata così, seduta, a prendere un caffè alla macchinetta…quanti caffè ho bevuto, talmente tanti che alla fine hanno davvero cominciato a piacermi.

Sensazioni e ricordi, mescolati: nostalgia, i tanti bei momenti costruiti insieme a nuove relazioni, le risate, le aspettative, l’ottimismo e la speranza per il futuro, una identità lavorativa, le idee creative esplose dallo stare in questo posto, intrise di euforia e di una sincera convinzione di poterle realizzare davvero e che invece spesso sono rimaste così, nell’aria, appese, in potenza, perchè in fondo alla fine bastava così…anche se, i video clip musicali in sala eventi fatico ancora un po’ ad accettare di non averli realizzati.

Questo luogo per me è stata una casa, in cui ho espresso tanto di me, a cui rimarrò davvero affezionata, anche se non potrò più viverlo, almeno non come un tempo.

Rimane, purtroppo, un senso di spreco e di fallimento…una caduta che comunque ha il sapore della conoscenza, dell’arricchimento, sicuramente dell’esperienza.

Ciao amico Tag!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.